La bellezza della fatica e il gusto dell'impresa

Quello del 1998 è un Tour costretto a vivere gravi vicende legate al doping. L'intera squadra Festina viene allontanata, ci sono momenti che la corsa pare vicina ad essere fermata.

La nobilita Marco Pantani, fortissimo scalatore italiano innamorato sublime del gusto dell'impresa. Pantani è reduce dalla vittoria al Giro d'Italia, parte pianissimo, come se la maglia rosa lo avesse pienamente appagato. Sembra dominare Ullrich, potente tedesco già campione uscente e Pantani pare destinato a qualche bella vittoria di tappa. La giornata perfetta per scrivere la storia, però, arriva per Pantani sul Galibier. Piove e fa freddo, il tempo infame spinge Marco a tentare il colpo a 6 km dalla vetta.

Ullrich sbanda, tutta la potente corazzata Telekom entra in confusione; il vantaggio è consistente ma all'arrivo manca ancora l'ascesa alle Deux Alpes e Pantani vi scava un solco incolmabile di oltre 8'. Ullrich proverà il giorno dopo, attaccando sulla Maddalena, ma Pantani non lo molla, consegnando alla storia una favolosa doppietta.