La bellezza della fatica e il gusto dell'impresa

Rosaleen “Poppie” van As ancora stenta a credere di essere in partenza per l’Italia. Il suo incredibile viaggio inizia più di 7 anni fa, quando cominciò a cucinare i suoi 'roosterbrood' con formaggio, burro o marmellata sul suo carretto rosso, all’angolo di una strada di Laingsburg, nella regione di Western Cape in Sudafrica.

Il rosterbrood è un particolare tipo di pane fatto in casa, cucinato a fuoco vivo. Ci vogliono anni per imparare a cuocerlo a regola d’arte e senza bruciarlo. E dita molto resistenti!

Poppie e il suo amico Stan Engelbrecht si sono incontrati per caso circa 6 anni fa, mentre lui stava preparando il tracciato del primo Tour of Ara (www.tourofara.co.za). Stan le chiese di venire a preparare i suoi squisiti panini al ristoro della gara e nel giro di pochissimo tempo Poppie è diventata una di famiglia. Negli anni ha affiancato Stan in tutti gli eventi da lui organizzati, compresa Eroica South Africa.  

L’incredibile storia della sua vita, la sua inesauribile energia e il suo sorriso accogliente hanno colpito così tanto la gente di Eroica da volerla come ospite speciale a L’Eroica di Gaiole, in Italia.

A 63 anni e di origini estremamente umili, Poppie non ha mai lasciato la regione di Western Cape e per aiutarla Stan ha lanciato una campagna per raccogliere i fondi necessari a organizzare per Poppie un viaggio on the road di 10 giorni alla scoperta delle meraviglie italiane. Viaggiare oltre i confini africani è sempre stato il sogno di Poppie e questa poteva essere la sua unica opportunità. Ora il sogno di Poppie sta per avverarsi e questa esperienza probabilmente cambierà la sua vita per sempre. 

“Portatemi chi è stanco e affamato. I miei roosterbrood li rimetteranno a nuovo!” dice Poppie, incarnando quello spirito di “rara umanità” che distingue il popolo Eroico.

Non vediamo l’ora di incontrarti a Gaiole, Poppie!

___________

Nelle ultime due settimane la campagna di fundraising per il documentario su Poppie ha avuto un enorme successo, Oltre a ripercorrere la sua storia personale e raccontare la sua vita di oggi, il documentario seguirà anche il viaggio in Italia e l’impatto che avrà sulla sua vita. Stan e la sua compagna Donnet intendono investire i proventi della distribuzione del documentario in una soluzione di lungo periodo che permetta a Poppie e alla sua famiglia di uscire dallo stato di povertà in cui si trovano oggi. Anche se i fondi necessari a coprire le spese di spedizione finora preventivate sono già stati raccolti, più donazioni arriveranno, più il risultato finale sarà buono. E questo si tradurrà in un maggio impatto positivo sulla vita di Poppie nel lungo periodo.

Quindi spargete la voce - questa è l’ultima settimana! Potete aiutarci a raccontare la sua storia con una donazione qui 

Intanto cercate @poppievanas su Instagram e seguite la sua avventura!